Carnevale sostenibile, maschere e costumi fai da te

Il Carnevale è una delle feste più evocative, divertenti e colorate che ogni anno ci ricorda quanto è importante ridere e passare dei momenti spensierati. Grazie a maschere, costumi, parate e travestimenti possiamo viaggiare con la fantasia e interpretare i personaggi che più ci piacciono.

Proprio come in tante altre festività, come Halloween Natale, perché non cogliere l’occasione per insegnare ai più piccoli che è possibile festeggiare e avere un occhio di riguardo per la sostenibilità e il Pianeta. Come? Creando delle maschere e decorazioni di Carnevale fai da te, a partire da materiali di riciclo e ecosostenibili.

Costumi di Carnevale fai da te

Non è davvero Carnevale se non ci si traveste! È sempre più diffusa l’abitudine di comprare costumi nei negozi o online, ma questo comportamento rischia di alimentare tanti sprechi.

Se il fai da te non fa per te, puoi optare per il noleggio di un costume, in modo tale da non acquistare un indumento che verrà usato una sola volta.

Ma perché non divertirsi a fare con le proprie mani dei costumi di Carnevale fai da te? Potremmo insegnare così ai più piccoli non solo il divertimento di fare qualcosa ma anche quanto sia facile essere attenti all’ambiente durante le feste!

Non serve essere dei maghi del cucito: in casa tutti noi abbiamo tantissimi vecchi vestiti, tessuti o cappelli, che non sono più usati da nessuno e che, con qualche taglio, possiamo adattare e farne un vestito di Carnevale fai da te. La chiave è la creatività e la fantasia. Un vecchio lenzuolo bianco, banalmente, può essere utilizzato sia per fare il costume di un fantasma sia quello di una mummia: basta aggiungere un po’ di carta igienica sulla faccia e abbiamo la nostra mummia. 

Un vecchio vestito da sera della mamma può essere usato per un vestito da principessa: insieme a dei gioielli (anche realizzati con materiali di riciclo) per rendere l’ensemble più realistico. 

Con dei vecchi abiti da lavoro, invece, possiamo realizzare il travestimento di uno spaventapasseri: Basta fare qualche taglio a un vecchio paio di jeans, prendere una maglietta e colorarla con un bel teschio, prendere una bandana, ed ecco che abbiamo il costume per fare un bel pirata!

Maschere di Carnevale fai da te

Possiamo decidere anche di costruire con le nostre mani delle maschere con materiali di riciclo, come la cartapesta, un materiale perfetto perché è resistente e molto facile da modellare. Ecco il nostro suggerimento:

Occorrente:

  •  fogli di carta di giornali e quotidiani
  • cartoncino
  • forbici
  • colla vinilica
  • acqua
  • tempere

Procedimento:

Come prima cosa, con il cartoncino, ritagliamo una sagoma di una maschera dalle dimensioni adeguate. Tagliamo diversi fogli di giornale in delle strisce. Immergiamo poco alla volta le strisce in una bacinella piena di un mix di acqua e colla vinilica. Una volta che le passiamo nella bacinella, incolliamo le strisce sulla sagoma della maschera in modo da alternare una striscia orizzontale a una verticale. Finita questa operazione passiamo la colla vinilica in modo da rendere tutto più compatto. Infine, basta colorare la maschera con le tempere dando i colori che preferiamo. Dando libero sfogo alla fantasia possiamo poi decorarle con piume o altri oggetti che abbiamo in casa, in modo da personalizzare la nostra maschera.

Ma questa è solo un’idea di maschera di Carnevale fai da te: possiamo usare anche dei piatti di carta e, con un procedimento simile, creare altre maschere. Infine possiamo anche semplicemente stampare la foto della maschera di cui vogliamo travestirci su un foglio e incollarlo su un cartoncino. Una volta fatti i buchi all’estremità e inseriti degli elastici abbiamo un risultato ottimo.

Carnevale sostenibile: coriandoli e stelle filanti fatti in casa

Tra le tante idee per un carnevale all’insegna del fai da te non possono mancare coriandoli e stelle filanti. Coriandoli e stelle filanti vengono venduti ormai in molti supermercati e, purtroppo, anche in sacchetti di plastica monouso; inoltre, molti di quelli in commercio sono spesso decorati con glitter e brillantini, materiali di origine plastica difficilmente riciclabili.

i coriandoli si possono comporre con poca difficoltà utilizzando riviste datate, fogli scarabocchiati, giornali e quotidiani ma anche volantini pubblicitari e vecchia carta da regalo. In seguito, con una bucatrice creiamo tanti piccoli coriandoli tondi, e con le forbici possiamo tagliare delle strisce di carta da usare come stelle filanti, al 100% provenienti da carta riciclata.

Vivi il Carnevale al meglio grazie al riciclo creativo!

Scarica l'articolo

Scarica PDF

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati a My E.ON e condividi le news per collezionare gli ecoPoints di Energy4People e ricevere premi e sconti.