L’energia green del MIND: E.ON e Lendlease insieme per l’Innovation District nell’ex-area Expo di Milano

Nell’ex-area Expo, a Milano, sta sorgendo un ecosistema dell’innovazione, un catalizzatore di opportunità per la crescita socio-economica del paese: stiamo parlando del MIND, acronimo di Milano Innovation District. Sarà un distretto urbano integrato e all’avanguardia dove imprese, istituti di ricerca, realtà accademiche daranno il via a progetti innovativi nel campo della tecnologia e della bio-medica.

Sostenibilità, inclusività, digitalizzazione, avanguardia sono le parole chiave e i concetti su cui si basa questo progetto: in quest’ottica non poteva mancare un impegno nell’efficienza energetica e nell’uso di energia green. Ed è proprio questo il contributo che E.ON darà a questo progetto unico in Europa. 

Milano MIND Innovation District: il progetto

In seguito alla chiusura dell’Expo l’intera area necessitava di una riprogettazione e rigenerazione. Grazie alla partnership tra Arexpo, proprietaria dello spazio e responsabile del suo sviluppo, e il gruppo internazionale Lendlease, leader nel real estate, rigenerazione urbana e asset management, nasce il progetto MIND. 

Fin da principio il progetto ha coinvolto, oltre che le istituzioni governative locali e nazionali, anche enti come l’Ospedale Galeazzi, l’Università di Milano, il Politecnico di Milano, l’Istituto di Ricerca Human Technopole e la Fondazione Triulza. Oggi sono più di 55 le aziende che faranno del MIND il distretto di innovazione più avanzato in Italia. Qui imprese, start-up, incubatori e acceleratori convergeranno e lavoreranno con il mondo accademico e gli istituti di ricerca per condividere idee, conoscenze e creare innovazione.  

Sono due le aree di sviluppo principale: le iniziative in campo digitale e tecnologico, che coglieranno e affronteranno le sfide del presente e del futuro, e quelle volte alla promozione di innovazione nei settori agroalimentarenutrizione e delle bio-scienze.

Area expo Milano: oggi

Il MIND sarà organizzato attorno al Decumano, un lungo viale verde che si sviluppa per ben 1.500 metri: quest’area, fondamentale luogo di incontro e aggregazione, condurrà a tutti gli edifici. Il Decumano collega tutto il “piano terra”, un sistema di corti e spazi, dove sarà possibile organizzare meeting e presentazioni, ma anche svagarsi. Nell’ambiente tecnologico e innovativo progettato da Lendlease saranno presenti infatti anche luoghi che rendano l’area in una “città dentro la città”: spazi aperti dove fare sport, orti comuni e aree dove acquistare prodotti. 

In questo progetto, inoltre, c’è una forte attenzione ad una mobilità sostenibile e alla promozione di una cultura dello sharing, sia degli spazi che dei mezzi di trasporto: ecco perché un’intera area del MIND sarà driveless e permetterà la sperimentazione di nuove forme di mobilità leggera. 

Milano MIND Innovation District: l’energia green di E.ON

L’Innovation District MIND si propone come il distretto dell’innovazione più all’avanguardia d’Europa anche dal punto di vista dell’efficienza energetica. Nel suo concept il Milano Mind Innovation District si fonda sui principi di innovazione e sostenibilità ambientale, mirando alla carbon neutrality e alle zero emissioni: l’innovazione non può essere tale se non da il suo contributo per il pianeta.

Per raggiungere questi importanti obiettivi energetici e green Lendleas ha selezionato E.ON come partner energetico, da sempre in prima linea per proporre soluzioni energetiche all’avanguardia: insieme vogliamo costruire delle soluzioni energetiche sostenibili, promuovendo un nuovo concetto stesso di comunità, efficiente e interconnessa, in grado di favorire un impatto ambientale positivo e una crescita economica notevole.  

Vettori termici: l’efficienza energetica di E.ON al MIND

E.ON si occuperà dello sviluppo, della gestione e della fornitura di vettori termici di calore e raffrescamento per tutto il MIND. La soluzione innovativa di E.ON si basa sulla digitalizzazione per ottimizzare i flussi di energia nel sistema, riducendo così la necessità di generazione primaria di energia.  Tutti gli edifici dell’area MIND, infatti, saranno connessi a una rete di riscaldamento e raffreddamento di 5° generazione che, grazie alla tecnologia ectogrid™ e al sistema di gestione digitale automatizzata ectocloud™, sarà in grado di recuperare e riciclare l’energia di scarto tra le diverse utenze

Il sistema energetico, nel suo complesso, è integrato con tutte le infrastrutture locali esistenti e questo permette di massimizzare la collaborazione con tutto il territorio. Anche grazie alla tecnologia Microsoft, che garantisce un sistema energetico tra i più avanzati dal punto di vista della digitalizzazione, la soluzione di energia green di E.ON è la più efficiente e all’avanguardia per il MIND.  

Scarica l'articolo

Scarica PDF

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati a My E.ON e condividi le news per collezionare gli ecoPoints di Energy4People e ricevere premi e sconti.