Cosa significa essere un’azienda sostenibile?

Il concetto di sostenibilità è oggi sempre più al centro dell’attenzione, soprattutto nelle aziende e nelle imprese. L’idea di sostenibilità, per privati come per le aziende, si traduce come un impegno non solo per ridurre il nostro impatto sul Pianeta, ma anche per il benessere sociale ed economico delle persone.

Cosa significa quindi parlare di aziende sostenibili? Quando possiamo dire che un’azienda ha a cuore la sostenibilità e come possiamo fare a valutare concretamente questo parametro?

Sostenibilità aziendale: significato e definizione

Iniziamo analizzando il significato della parola “sostenibilità”: indica un approccio che mira alla soddisfazione dei bisogni delle generazioni di oggi senza compromettere la possibilità delle generazioni future.

La sostenibilità è una vision, che mette al centro le azioni, i comportamenti e le scelte di sviluppo focalizzate non solo sui problemi a breve termine ma anche, e soprattutto, su quelli a lungo termine. L’oggi e il domani sono legati in modo indissolubile: non possiamo prescindere dal fatto che quello che facciamo oggi avrà conseguenze future a livello globale. 

Sono sostenibili le aziende che hanno fatto propria questa visione dello sviluppo, con azioni  e progetti che si concentrano per creare ora soluzioni concrete per il futuro. In particolare, ci sono tre aspetti su cui possiamo concentrare i nostri sforzi: ambientale, sociale ed economico. Le aziende sostenibili sono quindi quelle che riescono a raggiungere a integrare nel proprio modello di business queste tre dimensioni:

  • Sostenibilità ambientale: questo aspetto è legato alla tutela dell’ambiente. Molto spesso questo, per le aziende, si traduce in una riduzione dell’impatto ambientale nelle fasi produttive e nell’attenzione sul consumo delle risorse naturali. 
  • Sostenibilità sociale: la sostenibilità riguarda anche la società e le persone. Le aziende realizzano la sostenibilità sociale garantendo giustizia e uguaglianza nel trattamento dei dipendenti, bandendo ogni forma di discriminazione. Significa creare delle condizioni di sicurezza sul posto di lavoro e instillare un senso di appartenenza in chi lavora. 
  • Sostenibilità economica: La sostenibilità economica è la capacità creare valore attraverso la produzione di oggetti o servizi in grado di migliorare la vita delle persone, unendo gli aspetti economico-finanziari alle sopracitate dimensioni di sostenibilità sociale e ambientale. 

Noi di E.ON crediamo fortemente in questi principi e li mettiamo in pratica ogni giorno assieme ai nostri clienti e dipendenti. Per questo proponiamo solo energia da fonti 100% rinnovabili per privati e aziende, insieme a soluzioni per la mobilità elettrica e impianti fotovoltaici.

Siamo attivi nella salvaguardia dell’ambiente: abbiamo creato Boschi E.ON, uno dei progetti di rimboschimento più grandi in Italia, e collaboriamo con Legambiente per il progetto Energy4Blue per la salvaguardia dei mari italiani e delle specie animali che li abitano. Crediamo nelle nuove generazioni e nell’importanza di educare i giovani all’amore per il pianeta: grazie al progetto E.ON Scuole promuoviamo iniziative dedicate ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado, con concorsi, schede didattiche e premi sostenibili. Solo mettendo al centro le persone possiamo contribuire a proteggere il nostro futuro e creare valore aggiunto per tutta la società. 

Sostenibilità ambientale: l’importanza di valori misurabili

E’ importante che la sostenibilità sia un obiettivo reale per le aziende, che possa avere un impatto concreto per il pianeta e per il benessere delle persone. Il greenwashing, ovvero l’adozione di pratiche sostenibili come solo strumento di marketing, non ci porta nella direzione giusta. 

Per evitare di incorrere nel greenwashing è importante basarsi su indicatori misurabili e condivisibili, e integrare la sostenibilità all’interno dei processi aziendali. Gli indicatori possono variare a seconda della tipologia di azienda, ma ci sono alcune linee guida generali da cui prendere spunto per avviare una riflessione positiva:

  • Rispettare le leggi e gli standard di sostenibilità mondiali e nazionali 
  • Intervenire nei processi produttivi per renderli più sostenibili 
  • Tutelare i lavoratori e i dipendenti
  • Valutare l’impatto dell’azienda sulla comunità in cui si inserisce

Il futuro è lo sviluppo sostenibile delle aziende

La necessità di assumere una prospettiva globale è sempre più evidente:  già nel 2015 l’ONU ha tracciato un’Agenda Globale per lo Sviluppo Sostenibile, e nello stesso anno le principali potenze economiche mondiali hanno firmato gli Accordi di Parigi, impegnandosi a riadattare i propri modelli di sviluppo per salvaguardare il pianeta dai cambiamenti climatici.  La reazione alla pandemia mondiale che stiamo vivendo è un’ulteriore conferma del fatto che stiamo andando nella direzione giusta: solo una risposta collettiva può fare fronte alle sfide di scala globale.

La natura globale della crisi Covid-19 ci ricorda, ancora una volta, che siamo tutti abitanti dello stesso pianeta, e che occorre riconoscere che gli eventi in una parte del mondo possono influenzare tutti gli altri. Per affrontare la pandemia abbiamo visto un grande impegno unitario, da parte dei governi e delle istituzioni, ma anche da parte di aziende, associazioni e privati cittadini tramite donazioni, raccolte fondi, strumenti di sussidiarietà: abbiamo visto che una risposta su larga scala a una crisi globale è possibile.

Possiamo dunque mettere lo stesso impegno anche per una risposta globale alla crisi climatica: mettendo al centro le persone e il benessere dei cittadini, e adottando strategie a lungo termine che proteggano oggi le persone più vulnerabili e in futuro quelle più esposte agli impatti climatici, per una maggiore valorizzazione e centralità dell’aspetto umano delle persone. 

Scarica l'articolo

Scarica PDF

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati a My E.ON e condividi le news per collezionare gli ecoPoints di Energy4People e ricevere premi e sconti.