Sicurezza e pronto intervento

Accertamenti sicurezza post contatore

La Delibera 40/2014/R/gas e successive modifiche ed integrazioni emanate dall'Autorità per l'Energia Elettrica il Gas e il Servizio Idrico, approva nuove disposizioni in materia di accertamenti della sicurezza degli impianti di utenza a gas e da avvio alla disciplina degli accertamenti per gli impianti di utenza modificati o trasformati. Per un approfondimento relativo ai contenuti normativi si visiti il sito www.autorita.energia.it.

La delibera 40/2014/R/gas entra in vigore il 1° luglio 2014. Sino al 30 giugno 2014 rimane in vigore la deliberazione n. 40/04.

Oggetto della delibera sono tutti gli impianti di utenza alimentati a gas per mezzo di reti canalizzate per uso non tecnologico (riscaldamento, condizionamento, preparazione acqua calda sanitaria, cottura cibi) allacciati a reti di distribuzione o di trasporto. Per gli impianti ad uso promiscuo (tecnologico e non tecnologico) la deliberazione 40/2014/R/gas si applica esclusivamente alla parte di impianto dedicata agli usi non tecnologici.

La delibera 40/2014/R/gas si applica anche a tutti gli impianti di utenza per uso non tecnologico che sono allacciati direttamente a reti di trasporto, anche regionali; in questo caso all’impresa di trasporto si applicano tutti gli obblighi previsti per l'impresa di distribuzione.

Per una corretta attuazione della delibera 40/2014/R/gas è possibile consultare il sito web del Comitato Italiano Gas www.cig.it, da cui è possibile scaricare il documento "LINEE GUIDA CIG n.11" con l’annesso modello di rapporto tecnico di compatibilità e il modello di dichiarazione del progettista di rispetto della legislazione antiincendio.

L'inizio della erogazione del gas all'utenza è subordinato all'esito positivo dell'accertamento di conformità della documentazione di sicurezza attestante la rispondenza dell'impianto di utenza alle vigenti disposizioni. L'accertamento è di competenza delle società di distribuzione.

La modulistica deve essere compilata e sottoscritta dal cliente, dall'installatore e dall’esercente l’attività di vendita, ciascuno per le parti di propria competenza e trasmessa alla società di distribuzione.

Nel caso di invio incompleto della documentazione ai fini dell’accertamento entro i termini stabiliti dalla delibera, la società di distribuzione procederà a richiedere al cliente finale l’integrazione alla modulistica, pena la nullità dell’attivazione.

Procedura per l’attivazione della fornitura di gas per un impianto nuovo, modificato

Viene riportata di seguito la documentazione informativa con le indicazioni per una corretta attivazione della fornitura e la modulistica da compilare e da consegnare al distributore.

Allegato F/40, allegato informativo per richieste di preventivazione di lavori pervenute al venditore a partire dall'01 luglio 2014.

Allegato G/40, allegato informativo da trasmettere al cliente finale alla richiesta di attivazione/riattivazione della fornitura a partire dall'01 luglio 2014.

Allegato H/40, modulo di conferma della richiesta di attivazione/riattivazione della fornitura di gas, in parte precompilato da E.ON come venditore. Il cliente deve completare le informazione richiesto nel modulo, sottoscriverlo e consegnarlo al distributore.

Allegato I/40, attestazione di corretta esecuzione dell’impianto, in parte precompilato da E.ON come venditore, deve essere consegnato all'installatore che lo restituirà compilato, timbrato e firmato insieme alla relativa documentazione tecnica.