Dichiarazioni di intento 2017 - Nuovo provvedimento per i clienti qualificati come Esportatori Abituali

In data 2 dicembre 2016, con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, è stato introdotto per i clienti qualificati come Esportatori Abituali, un nuovo modello per la dichiarazione d’intento che permette di acquistare beni e servizi in regime di non imponibilità IVA.

Gli esportatori abituali, ovvero coloro che nell'anno solare o nei 12 mesi precedenti, hanno registrato cessioni all'esportazione, cessioni intracomunitarie ed altre operazioni ad esse assimilate per un ammontare superiore al 10% del volume d'affari, dovranno presentare un nuovo modello per le dichiarazioni di intento.

Rispetto al modello precedente, il nuovo modello non prevede più la possibilità di riferire la dichiarazione d’intento ad un determinato periodo da specificare nei campi 3 e 4 della sezione “dichiarazione”, che di conseguenza sono stati eliminati.

Importante:

1) Il nuovo modello può essere utilizzato solo per le operazioni di acquisto da effettuare a partire dal 1° marzo 2017, pertanto per le operazioni da effettuare sino al 28 febbraio 2017 deve essere utilizzato il vecchio modello.

Indicazioni operative dichiarazione d’intento presentata con il vecchio modello:

2) Se sono stati compilati i campi 3 e 4 “operazioni comprese nel periodo da” (es. dal 01/01/2017 al 31/12/2017), la dichiarazione non ha validità per le operazioni di acquisto da effettuare a partire dal 1° marzo 2017. Per tali operazioni deve essere quindi presentata una nuova dichiarazione d’intento utilizzando il nuovo modello (punto 1).

3) Se è stato compilato il campo 1 “una sola operazione per un importo fino ad euro” o il campo 2 “operazioni fino a concorrenza di euro”, la dichiarazione ha validità, fino a concorrenza dell’importo indicato, rispettivamente per la sola operazione o per le più operazioni di acquisto effettuate nel 2017.

In tali casi, quindi, non deve essere presentata una nuova dichiarazione d’intento utilizzando il nuovo modello.

Punto di attenzione

Per poter consentire una più efficiente gestione delle dichiarazioni d’intento e del relativo processo di fatturazione senza IVA, E.ON Energia chiede ai propri clienti “esportatori abituali” di privilegiare da subito la terza modalità di invio (vecchio modello con l’indicazione della soglia), inviando sia la dichiarazione d’intento che la relativa ricevuta di invio telematico

Si invitano i clienti ad inoltrare la documentazione via pec all'indirizzo eonenergia@legalmail.it

Per ogni ulteriore chiarimento sulle novità di recente introduzione, si invitano tutti i clienti a contattare il proprio consulente fiscale di fiducia.